Credito d'imposta per costi di R&S

La Legge di Stabilità 2015 ha introdotto il credito d’imposta a favore di tutte le imprese che investono in attività di ricerca e sviluppo, a prescindere dal fatturato. L’agevolazione riguarda esclusivamente gli investimenti incrementali rispetto alla media degli anni 2012-2014 e può essere richiesta per gli anni 2017-2020.

 

 

Spese agevolabili

  • personale interno;
  • quote ammortamento di strumenti e attrezzature laboratorio;
  • contratti di ricerca con organismi di ricerca e altre imprese;
  • privative industriali.

Le spese devono riguardare attività di R&S quali lavori sperimentali o teorici, ricerca pianificata o indagini critiche, elaborazione di progetti, piani, disegni, prototipi, progetti pilota. Non si considerano agevolabili modifiche ordinarie o periodiche, anche quando dette modifiche rappresentino miglioramenti.

 

Agevolazioni

Il contributo in credito d'imposta ottenibile è pari al 50% della spesa incrementale dei costi analoghi per ricerca sostenuti nel triennio precedente

 

 

Verifiche e controlli

L’Agenzia delle Entrate effettua controlli per verificare la realizzazione delle attività e la correttezza della documentazione. In caso si accerti l’indebita fruizione si procederà al recupero del relativo importo, maggiorato di interessi e sanzioni.

 

 

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Accesso Utenti